Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare

Estimo

Ricarica la scheda
Estimo
I contratti di locazione di immobili ad uso commerciali sono disciplinati dalla:
  • Legge 15 febbraio 1978, n. 25
  • Legge 27 luglio 1978, n. 392
  • Legge 25 marzo 2001, n. 392
I contratti di locazione di immobili ad uso abitativo previsti dalla Legge 431/98 possono essere:
  • solo a canone convenzionale
  • solo a canone libero
  • sia a canone libero che a canone convenzionale
Nella locazione di immobili ad uso abitativo, qualora si verifichi la morte del conduttore:
  • si scioglie il contratto
  • succedono il coniuge, gli eredi, parenti e affini abitualmente conviventi e il convivente more uxorio
  • succede il coniuge se ha figli minori
La forma scritta per i contratti di locazione è obbligatoria?
  • sì, in base alla Legge 431/98
  • no, possono essere stipulati anche verbalmente
  • è prevista solo per contratti di durata ultranovennale
Che durata è prevista per il contratto di locazione abitativa a canone libero?
  • 3+2
  • 4+4
  • 2+2
È ammessa la sub locazione nei contratti di locazione ad uso abitativo ai sensi dell'art. 2 Legge 392/78?
  • sì, basta renderlo noto al locatore
  • no, se non vi è il consenso del locatore, salvo patto contrario
  • salvo patto contrario, il conduttore ha la facoltà di sublocare parzialmente l'immobile previa comunicazione al locatore
Il conduttore può recedere in qualunque momento dal contratto di locazione abitativa, ai sensi dell'art. 4 Legge 392/78, indipendentemente dalle previsioni contrattuali?
  • sì, sempre
  • solo se ricorrono gravi motivi, dando comunque un preavviso di sei mesi al locatore
  • solo dando un preavviso di dodici mesi al locatore
Se nell'ambiente locato ad uso attività professionale interviene lo scioglimento del contratto, spetta al professionista conduttore l'indennità per la perdita dell'avviamento?
  • sì, se l'attività è stabilmente esercitata
  • no
La locazione di immobili urbani ad uso commerciale prevede in caso di mancato rinnovo del contratto da parte del locatore:
  • una indennità di avviamento pari a 10 mensilità sia nel caso di attività di commercio che nel caso di attività turistiche
  • una indennità di avviamento pari a 18 mensilità a favore del conduttore nel caso di attività di commercio e di 21 mensilità nel caso di attività turistiche e ricettive
  • un risarcimento stabilito dal Giudice secondo equità
In quale caso spetta la doppia indennità di avviamento nelle locazioni commerciali?
  • non è prevista la doppia indennità
  • nel caso in cui, entro un anno dalla disdetta da parte del locatore, quest'ultimo apra un'attività simile o uguale a quella del locatario uscente
  • nel caso di contratto nullo
Correggi
Ricarica la scheda