Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare

Estimo

Ricarica la scheda
Estimo
I fabbricati nuovi ed ogni altra costruzione devono essere dichiarati al Catasto:
  • entro un anno dalla fine dei lavori;
  • entro tre anni dalla fine dei lavori;
  • immediatamente dopo l'ultima azione dei lavori di finitura.
Nell'ambito di ogni zona censuaria è prevista l'individuazione di microzone, così definite:
  • porzioni omogenee del territorio comunale o un intero Comune caratterizzati da un mercato omogeneo sul piano dei redditi e dei valori;
  • porzioni omogenee del territorio comunale caratterizzate da un mercato omogeneo sul piano dei redditi e dei valori;
  • il territorio di un intero Comune caratterizzato da un mercato omogeneo sul piano dei redditi e dei valori.
Nell'operazione di classamento, l'appartenenza all'una o all'altra delle microzone contribuirà a delineare:
  • la classe;
  • la categoria;
  • la qualità di coltura.
La qualificazione per il Catasto dei fabbricati consiste nella:
  • individuazione delle varie categorie di immobili esistenti nella zona, sulla base della loro destinazione ordinaria e permanente;
  • individuazione delle varie classi di immobili esistenti nella zona, sulla base della loro destinazione ordinaria e permanente;
  • individuazione delle unità immobiliari tipo esistenti nella zona, sulla base della loro destinazione ordinaria.
Elemento primario per la distinzione degli immobili in categorie è:
  • la qualità delle strutture e il grado di rifinitura;
  • la destinazione ordinaria e permanente;
  • l'uso prevalente dell'unità immobiliare.
La denominazione delle categorie di immobili è uniforme in tutto il territorio nazionale; i gruppi di categorie sono:
  • cinque: A, B, C, D, E;
  • tre: A, B, C;
  • sei: A, B, C, D, E, G.
L'operazione di classificazione al Catasto dei fabbricati consiste nel:
  • attribuire ad ogni unità immobiliare categoria e classe;
  • suddividere ogni categoria nelle 5 classi previste, con uno scarto del 20% nella capacità di reddito;
  • attribuire la rendita alle categorie di immobili a destinazione ordinaria.
Il numero delle classi in cui è suddivisa ogni categoria di fabbricati:
  • è costante ed è pari a 5; la prima classe è quella di minor pregio;
  • è costante ed è pari a 5; la prima classe è quella di maggior pregio;
  • non è definito; la prima classe è quella di minor pregio.
La classificazione è stata fatta per tutte le categorie di fabbricati?
  • Sì, per tutte le categorie dei 5 gruppi.
  • No, solo per le categorie dei gruppi A, B e C, il cui imponibile è calcolato per classi e tariffe.
  • No, solo per le categorie dei gruppi D ed E, il cui imponibile è calcolato per stima diretta.
La riforma del Catasto attualmente in corso prevede un nuovo quadro di qualificazione, semplificato e più aderente alla realtà; le nuove categorie saranno suddivise nei gruppi:
  • A, B, C, D ed E;
  • R, P, T, V e Z;
  • R, P e T.
Correggi
Ricarica la scheda