Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare

Il fallimento e le altre procedure concorsuali

Ricarica la scheda
Il fallimento e le altre procedure concorsuali
Il Pubblico registro dei falliti:
  • è un normale adempimento burocratico, e solo in alcuni casi può essere dannoso.
  • esiste ed è riferito alla sfera personale del fallito.
  • è stato abrogato con la riforma del 2006.
Il fallimento viene dichiarato:
  • dal Tribunale Civile del luogo dove ha sede l'impresa.
  • dal giudice fallimentare.
  • dal tribunale del luogo di residenza dell'amministratore.
In caso di fallimento di una società di capitali:
  • fallisce solo la società, essendo una persona giuridica.
  • fallisce anche l'amministratore.
  • falliscono anche i soci di maggioranza.
L'ipoteca su determinati beni comporta per il creditore:
  • un privilegio speciale.
  • un diritto di credito successivo alla chiusura di fallimento.
  • un diritto di prelazione nel riparto dell'attivo fallimentare.
Le procedure concorsuali prevedono:
  • il concorso di più creditori che agiscono nell'interesse comune nei confronti di un imprenditore insolvente.
  • il recupero dei crediti di società finanziarie.
  • la costituzione di società per il recupero dei crediti.
L'istituto della riabilitazione civile:
  • non esiste più dall'entrata in vigore della riforma del fallimento del 2006.
  • può essere applicato decorsi almeno 5 anni dalla chiusura del fallimento.
  • può essere applicato decorsi almeno 10 anni dalla chiusura del fallimento.
Se il fallito viene condannato per bancarotta fraudolenta:
  • può iscriversi in qualsiasi ruolo professionale dopo almeno 2 anni.
  • non viene cancellato dai ruoli professionali.
  • prima di iscriversi in qualsiasi ruolo professionale deve ottenere, oltre che la riabilitazione civile, anche quella penale.
L'Amministrazione straordinaria per le grandi imprese in crisi:
  • avviene con il concorso del T.A.R..
  • avviene con il concorso del Ministero delle Attività Produttive.
  • avviene sotto la vigilanza del Ministero del Tesoro.
Il riparto dei crediti nel fallimento avviene:
  • in base ai diritti di prelazione per i creditori privilegiati e, secondo il principio della par condicio creditorum, per i creditori chirografari.
  • secondo un piano di riparto progressivo.
  • secondo il principio della competenza economica.
L'azione "muciana":
  • è l'azione legale esperita nei confronti del coniuge del fallito, non in regime di comunione legale, per revocare gli acquisti di quest'ultimo, effettuati nei 5 anni antecedenti il fallimento che si presumono siano stati pagati con fondi sottratti all'impresa.
  • è l'azione diretta ad invalidare tutti gli atti del fallito antecedenti il fallimento.
  • è l'azione legale promossa dal curatore nei confronti di terzi che hanno acquistato beni dal fallito, prima della dichiarazione di fallimento.
Correggi
Ricarica la scheda