Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare
Immobilquiz.it - il primo portale con tutti i quiz per l'esame da agente immobiliare

Successioni a causa di morte

Ricarica la scheda
Successioni a causa di morte
Chi sono gli eredi legittimi?
  • coloro tra i quali si divide l'intera eredità in mancanza di un valido testamento
  • coloro, che anche in presenza di un testamento, hanno diritto a beneficiare della quota indicata dalla legge
  • coloro a cui il de cuius ha lasciato uno o più beni determinati
Quali sono i documenti di cui deve essere in possesso l'interessato che voglia trascrivere un atto a causa di morte?
  • copia del testamento, copia dell'atto di accettazione dell'eredità, certificato della Conservatoria
  • atto di accettazione dell'eredità (ma anche la stessa denuncia di successione, che è soggetta a trascrizione); certificato di morte del de cuis; la copia del testamento, se l'acquisto segue in base ad esso; duplice nota con gli estremi di cui all'articolo 2660 del codice civile
  • atto di accettazione dell'eredità; copia del testamento, se l'acquisto segue in base ad esso; duplice nota con gli estremi di cui all'articolo 2660 del codice civile
Il terzo acquirente dell'immobile a titolo oneroso è obbligato a restituire il bene a seguito di un'azione di restituzione?
  • Il legittimario che abbia fatto dichiarare inefficace la disposizione lesiva non può ottenere la restituzione del bene perché l'azione di riduzione non ha natura recuperatoria
  • Il legittimario che, mediante l'azione di riduzione, abbia fatto dichiarare inefficace la disposizione lesiva può agire con l'azione di restituzione ed ottenere il bene, libero da ogni peso o ipoteca. Sono tenuti alla restituzione anche eventuali terzi acquirenti dell'immobile a titolo oneroso
  • Il legittimario che, mediante l'azione di riduzione, abbia fatto dichiarare inefficace la disposizione lesiva , non può comunque ottenere la restituzione del bene perché la buona fede del terzo acquirente prevale
In presenza di coeredi, la dichiarazione di successione deve essere presentata:
  • da tutti i coeredi con un unico atto;
  • almeno da uno dei coeredi;
  • da ogni coerede individualmente;
In quale modo cessa la comunione ereditaria?
  • La comunione ereditaria cessa con la divisione, in seguito alla quale il diritto che ha ogni coerede su tutto il patrimonio ereditario in ragione di una quota aritmetica si converte in diritto esclusivo su beni determinati
  • La comunione ereditaria cessa con la morte di uno dei coeredi, in seguito alla quale il diritto che ha ogni coerede su tutto il patrimonio ereditario in ragione di una quota aritmetica si converte in diritto esclusivo su beni determinati
  • La comunione ereditaria cessa con la donazione della quota da parte di almeno un donante, in seguito alla quale il diritto che ha ogni coerede su tutto il patrimonio ereditario in ragione di una quota aritmetica si converte in diritto esclusivo su beni determinati
E' revocabile il testamento redatto da un notaio alla presenza di testimoni e sottoscritto dal testatore?
  • No
  • Sì, solo per giusta causa o giustificato motivo
Come possono, i creditori del defunto, tutelare le loro ragioni nei confronti di un erede oberato di debiti?
  • esercitando, nei confronti dell'erede, l'azione restitutoria, entro il termine perentorio di tre mesi dall'apertura della successione
  • esercitando nei confronti dell'erede l'azione revocatoria, entro il termine perentorio di tre mesi dall'apertura della successione
  • chiedendo la separazione del patrimonio del de cuius da quello dell'erede
Nel caso di lesione della quota legittima, qual è il rimedio concesso al soggetto leso per tutelare il suo diritto alla quota necessaria?
  • l'azione di riduzione
  • l'azione di petizione di eredità
  • l'azione surrogatoria
La sentenza che pronuncia la revoca della donazione di un immobile ha effetto anche nei confronti dei terzi che lo hanno nel frattempo acquistato?
  • La sentenza che pronuncia la revoca della donazione condanna il donatario alla restituzione dei beni. Non pregiudica, però, i terzi che hanno acquistato diritti anteriormente alla domanda di revoca, salvi gli effetti della trascrizione. Se il donatario ha alienato i beni, deve restituirne il valore con riguardo al tempo in cui fu proposta la domanda
  • La sentenza che pronuncia la revoca della donazione non può condannare il donatario alla restituzione dei beni. Non pregiudica, però, i terzi che hanno acquistato diritti anteriormente alla domanda di revoca, salvi gli effetti della trascrizione
  • La sentenza che pronuncia la revoca della donazione condanna il donatario alla restituzione dei beni solo se la donazione è avvenuta nel quinquennio precedente alla sentenza. Non pregiudica, però, i terzi che hanno acquistato diritti anteriormente alla domanda di revoca, salvi gli effetti della trascrizione. Se il donatario ha alienato i beni, deve restituirne il valore con riguardo al tempo in cui fu proposta la domanda
L'accettazione con beneficio d'inventario:
  • impedisce la confusione del patrimonio del defunto con quello dell'erede;
  • estingue i debiti del defunto nei confronti dell'erede;
  • pone il patrimonio dell'erede a garanzia del pagamento dei debiti del de cuius;
Correggi
Ricarica la scheda